Categoria: Cultura finanziaria

Come investire i risparmi? Strumenti finanziari e tecniche da utilizzare

Una richiesta molto comune in un blog come questo dove si parla di investire soldi è sicuramente quella su come investire i risparmi.

Giusto per curiosità sono andato a vedere cosa dicono gli altri blog su tale argomento e non ti nascondo che sono rimasto sbigottito dalle stronzate lette. Mi riferisco a tutti quelli che consigliano di investire nel forex, nelle opzioni binarie, con il trading online eccetera.

Questi tipi di operatività non sono assolutamente adatte ad un risparmiatore. Infatti, chiunque conosca le basi minime della consulenza finanziaria ti confermerà che la prima regola del risparmio è: non mettere mai a repentaglio il capitale che già si dispone!

Se ci fai caso, infatti, stiamo parlando di come investire i risparmi, non di come investire denaro.

Ti potrà sembrare un sofisma ma legislativamente parlando il risparmio è tutelato dalla legge italiana, l’investimento di capitali no… Questo perché il risparmio è il frutto di ciò che le persone mettono da parte dalle loro attività lavorative quotidiane, le quali, giusto per ricordartelo, è tutelato dalla nostra costituzione già partire dall’articolo 1.

Investire in bitcoin

 

Negli ultimi anni è cresciuta molto la moda del investire in bitcoin, e ovviamente mi hanno fatto svariate richieste riguardo un mio articolo su questo argomento.

Bene, ho deciso di accontentarvi dicendo tutto quello che so sui bitcoin e su come prevedo evolverà la questione in futuro.

In questo articolo parlerò quindi di:

  • Cosa sono i bitcoin
  • Come funzionano
  • Come utilizzarli in sostituzione di dollari ed euro
  • Come investire in bitcoin

Investimenti finanziari: quali sono i principali?

Investimenti

Chi non vorrebbe fare degli investimenti finanziari per provare a vivere di rendita o almeno avere dei buoni guadagni per una vita più agiata?

Nessuno, e se sei arrivato in questa pagina vorresti anche tu una vita più comoda. Ecco qualche informazione in più.

Gli investimenti possono essere distinti in due macro categorie: investimenti finanziari e investimenti in attività d’impresa.

In questo secondo caso gli investimenti sono dedicati all’esercizio dell’attività d’impresa stessa ed il reddito può essere classificato, quindi, come reddito da lavoro.

In questo articolo ti parlerò invece degli investimenti in attività finanziarie.

Prima di passare alle varie forme per gi investimenti finanziari è necessario tracciare una piccola sintesi sulle condizioni attuali del mercato.

In primo luogo occorre sottolineare che le politiche della Banca Centrale Europea sono, da sempre, poco favorevoli agli investimenti in attività finanziarie, perché preferiscono dar supporto all’imprenditoria. I tassi di interesse sono quindi mantenuti costantemente bassi.

Inoltre è stato adottato in modo massiccio il quantitative easing, misura volta a far circolare più denaro, immettendo liquidità per sostenere l’economia. Queste due misure rendono poco favorevoli i guadagni a chi vuole investire i propri soldi in attività finanziarie.

 

Come investire? Ecco perché la banca ti snobba!

Quando si parla di come investire soldi tutti sono sempre pronti a darti consigli di ogni tipo, tutti conoscono “la verità”, e soprattutto, tutti sanno cosa è meglio per te. Ho passato un bel po’ di tempo a leggere diversi blog che parlano di investimenti, economia e finanza e sono giunto alla conclusione che la maggior parte di questi non sanno manco di che cosa stanno parlando, figuriamoci che consigli possano mai darti!

Vado direttamente al punto focale dell’articolo in cui parlerò di:

  • Perché le banche ti snobbano?
  • Cosa fare per investire
  • Una cosa che mi è accaduta in passato!
  • L’importanza di sapersi difendere…

Investimenti sicuri: cosa offre il mercato finanziario?

Investimenti-sicuri

Chi cerca di far maturare i propri risparmi vuole investimenti sicuri. Se anche tu sei tra questi, allora continua a leggere e scoprirai che è possibile far maturare i propri risparmi controllando i rischi.

Quante volte hai sentito dire da amici o conoscenti che hanno perso i loro soldi in investimenti andati male? Probabilmente tante. A questo punto potresti essere tentato dall’idea di lasciar perdere: scelta sbagliata perché gli investimenti sicuri esistono.

Ti ricordo, però, che non esistono investimenti sicuri al 100%. C’è sempre una certa percentuale di rischio da tenere in considerazione e quindi cerca di essere cauto. Vedrai che con questi piccoli consigli potrai limitare i rischi e avere un buon rendimento.

Scegliere bene su cosa investire è importante, soprattutto oggi a causa del costo del denaro molto basso e del quantitative easing che ha reso il denaro più economico, facendo però diventare più difficile trovare forme di investimento sicure e remunerative.

 

Rendimento BTP: perché varia il valore nominale?

Mi è stato chiesto più volte nell’articolo sull’investire in BTP come calcolare il rendimento BTP, e perché varia nel tempo visto che sono a tasso fisso.

Bene, inizio a chiarire qualche concetto: il BTP è vero che è un’obbligazione a tasso fisso, ma ciò riguarda la cedola semestrale. In pratica, se metti in portafoglio 10.000 euro di Btp con un tasso fisso del 3%, essi renderanno 300 euro annui, qualsiasi cosa accada al mercato. Tuttavia, il valore nominale dell’obbligazione deve variare per adattarsi al mercato.

Spiego meglio il meccanismo di funzionamento di un asta dei Btp. Le obbligazioni statali come BTP, CCT, BOT eccetera sono delle emissioni che servono a raccogliere fondi per pagare i debiti. Se si hanno 2.000 miliardi di debito pubblico, lo stato dovrà emettere 2.000 miliardi di obbligazioni al fine di pagare i creditori.

A tal fine si svolge un’asta periodica in cui tutti le obbligazioni dello stesso tipo devono essere piazzate, al fine di raccoglierei fondi. Se non si dovesse riuscire a piazzare tutte le obbligazione previste, alcuni creditori rimangono a bocca asciutta.

Quindi abbiamo delle aste in date prefissate che prevedono di piazzare una determinata cifra di una particolare obbligazione. Ad esempio, 10 miliardi di BOT a 6 mesi, oppure 8 Miliardi di CCT a 5 anni, oppure ancora, 15 miliardi di BTP a 10 anni e così via. Ammettiamo che lo stato debba piazzare 10 miliardi di BTP a 10 anni, che cosa succede? Si fa una raccolta di adesioni senza stabilire un interesse.

Investire è un gioco a somma zero?

investire a somma zero
Tempo fa mi è arrivata una mail che, per certi versi, posso definire “paradigmatica”. Perché? Per il semplice motivo che contiene domande e dubbi sull’investire che mi vengono posti spessissimo, da parte di molte persone che sono interessate a investire il loro denaro.

…Domande e dubbi che sono indice di una visione errata, per non dire distorta, di cosa significa veramente la parola investire. Dopo averci riflettuto, ho deciso di rispondere pubblicamente a questa email (mantenendo anonimo il mittente).

Spero, in questo modo, di poter fare maggiore chiarezza su un argomento un po’ controverso e di sbloccare quelle tante persone che hanno convinzioni un po’ limitanti sul discorso della formazione personale in ambito economico e finanziario.

Ecco qui di seguito la mail con le varie questioni che mi vengono poste:

—————————————————————————
Buongiorno sig. Messina,
 
mi ha incuriosito la sua determinata voglia di far guadagnare soldi alle persone. Lei ci offre il suo corso a qualche decina di euro, dopo magari aver speso una vita e fatto sacrifici per arrivare al punto di ottimo investitore nel quale si trova attualmente. Le faccio una domanda: “Che convenienza ha lei nel crearsi concorrenti nel campo dell investimento e a vendere il suo prodotto così ricco di contenuti?”. Io per esempio, se sapessi tutti i trucchi di come e dove investire per guadagnare il più possibile, me li terrei per me per fare in modo di non crearmi concorrenza. Mi dica se sbaglio: meno persone investono su titoli convenienti = maggiori possibilità per me di investire su titoli convenienti = più soldi per me. Il mio ragionamento è errato?
—————————————————————————
Qui di seguito, espongo le mie considerazioni in merito ai dubbi e alle domande sollevate in questa email. Innanzitutto bisogna chiarire un concetto: l’economia e la finanza non sono un gioco uno contro uno o uno contro molti.