Come investire 10000 euro in modo proficuo

come-investire-10000-euro

 

Vuoi sapere come investire 10000 euro in modo proficuo ma non sai che cosa fare? Leggi questo articolo e cercherò, in modo semplice, di schiarirti un po’ le idee anche se capisci poco/nulla di investimenti.

Dopo un decennio di continue crisi dei mercati, l’idea di mettere i soldi sotto al materasso, sono sicuro, sarà venuta anche a te!

Non ti preoccupare, sei in buona compagnia. Sono tantissime le persone allarmate che mi contattano perché hanno perso tutta la loro fiducia riguardo le banche e, in generale, nel settore degli investimenti.

Ti elencherò adesso i metodi più gettonati da parte dei risparmiatori italiani per investire i propri soli, indicandotene pro e contro di ognuno di essi:

  • Conto arancio
  • Obbligazioni
  • Oro fisico
  • Conti di deposito lussemburghesi

Conto deposito ING Direct

E’ un conto di deposito gestito da ING Direct (una delle banche online più famose al mondo), noto commercialmente come “conto arancio”, che offre un buon interesse annuale a fronte di una spesa di gestione minima se non nulla.

La parte positiva di questo tipo di risparmio è che i soldi sono sempre disponibili. Tuttavia, se pur l’interesse annuo può sembrare buono a un profano, in realtà non è che sia così esaltante per un investitore che sappia un minimo il fatto suo…

Francamente il Conto Arancio lo vedo adatto a chi deve depositare del denaro in modo temporaneo, in attesa di investirli da qualche altra parte (in modo sicuramente più proficuo).

Investire in obbligazioni

Si tratta di mettere in portafoglio i titoli di stato (oppure quelli aziendali). Nella fattispecie ti fai carico di una parte di debito dell’ente che le emette in cambio di una cedola annua.

Per lo stato italiano ci sono sicuramente i BTP, i BOT, e i CCT che hanno caratteristiche molto differenti l’uno da l’altro.

I BTP sono i titoli di stato italiani a tasso fisso e possono avere una durata che va da un minimo di 2 anni ad un massimo di 30. Il taglio a 10 anni è quello che viene utilizzato come sistema di riferimento per calcolare il famoso spread BTP-BUND.

Il CCT invece è un’obbligazione a tasso variabile che si trova nei tagli che vanno da 2 a 10 anni.

Il BOT infine è un’obbligazione di tipo zero coupon, cioè che non dà cedole e ha la caratteristica di essere comprata ad un prezzo più basso e scambiata, a scadenza, a valore nominale. Il taglio va dal trimestrale all’annuale passando per il semestrale.

Ne esiste uno di durata biennale che prende il nome di CTZ ed è sempre di tipo zero coupon.

Ovviamente, ogni tipo di obbligazione ha il suo specifico utilizzo: se stai aspettando una ripresa del mercato azionario nel prossimo futuro, andrai a investire i tuoi soldi in BOT che hanno una scadenza molto ravvicinata.

Se invece vuoi bilanciare il tuo portafoglio investimenti con una parte dedicata a obbligazioni governative, opterai sicuramente per CCT o BTP. I primi li utilizzerai quando prevedi un aumento del tasso d’inflazione oppure un aumento del costo del denaro.

I BTP invece li utilizzerai in un periodo in cui prevedi un abbassamento dell’inflazione o un taglio del costo del denaro. Inoltre i BTP sono interessanti in quanto, se riesci a individuare un momento in cui il tasso d’interesse è elevato, ti puoi garantire tale tasso per tempi lunghissimi!

Investire in oro

E’ il bene rifugio per eccellenza. Tuttavia, visto che è una materia prima (si usa spesso il termine “commodities”in questi casi ), devi calcolare che il suo prezzo può oscillare in modo marcato quando il rapporto fra domanda e offerta varia.

Calcola anche che, non è un caso se gli stati mantengono dei forzieri con dentro oro per far fronte a spese impreviste e per stabilizzare le quotazioni delle proprie valute.

Il lato positivo dell’oro è che è un bene che si può toccare, cioè che esiste. Il lato negativo è sicuramente dettato dal fatto che, essendo quotato in dollari, sei soggetto al rischio di cambio.

Conto di deposito in Lussemburgo

In genere danno interessi elevati e sono utili per portare soldi fuori dall’Italia.

Tranne casi particolari, mi sento di sconsigliarti questo metodo. Visto il grande deficit pubblico italiano e l’imposizione di governi tecnici per la spremitura dei portafogli, un conto estero potrebbe essere visto come uno strumento di evasione fiscale.

Inoltre c’è il rischio, tutt’altro che remoto, di essere assoggettati a doppia imposizione fiscale.

In ogni caso, personalmente, non li ho mai usati e di conseguenza non posso essere specifico su tale argomento. Quindi non mi dilungo oltre.

In conclusione, non esiste l’investimento perfetto per tutti: dipende molto da quello che vuoi ottenere come performance, dai rischi che sei disposto ad accollarti e, soprattutto, per quanto tempo puoi permetterti di tenere i soldi vincolati.

Esiste anche la possibilità di formarti per imparare le basi su come muoverti nel mondo della finanza per poi, successivamente, passare agli investimenti in borsa o nel forex.

Così facendo, non solo sapresti come investire 10000 euro con cognizione di causa, ma saresti in grado di fare qualunque tipo di investimento in qualunque situazione senza dipendere da consulenti o promotori finanziari sin troppo “interessati”…

Inserisci un commento