Investire in bitcoin

 

Negli ultimi anni è cresciuta molto la moda del investire in bitcoin, e ovviamente mi hanno fatto svariate richieste riguardo un mio articolo su questo argomento.

Bene, ho deciso di accontentarvi dicendo tutto quello che so sui bitcoin e su come prevedo evolverà la questione in futuro.

In questo articolo parlerò quindi di:

  • Cosa sono i bitcoin
  • Come funzionano
  • Come utilizzarli in sostituzione di dollari ed euro
  • Come investire in bitcoin

1. Cosa sono i bitcoin

Il bitcoin è una valuta criptata, o se preferisci una cripto-valuta, totalmente dematerializzata ed esistente solo nel mondo “virtuale”, creata da un team di programmatori noti con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto.

Il bitcoin nasce come moneta la cui gestione e creazione è volutamente decentralizzata al fine di tagliare fuori qualunque Banca Centrale o nazione voglia regolamentarla. Questo dovrebbe garantire che nessuno possa metterci le grinfie sopra!

Per fare ciò utilizza la rete mediante una struttura peer-to-peer che garantisce l’anonimato degli scambi, nonché la trasparenza degli stessi.

Il bitcoin, di fatto, funziona a livello di scambi commerciali come qualsiasi valuta. Infatti esso ha un valore in un determinato momento e può essere trasferita da un soggetto economico possessore ad un altro nelle quantità che si desidera trasferire, fermo restando che chi paga possieda valuta a sufficienza per pagare, ovviamente.

2. Come funziona bitcoin

Il bitcoin funziona grazie ad un protocollo virtuale che si basa su un sistema p2p (peer to peer). La moneta viene quindi creata mediante l’esecuzione di uno specifico algoritmo e lo scambio avviene medinate l’utilizzo di apposite chiavi crittografe.

Onde evitare di allungare troppo questo articolo non spiegherò come funziona il sistema e se vuoi puoi approfondire nell’apposito articolo su come funziona il sistema dei bitcoin.

 

3. Usare bitcoin a posto dei dollari o degli euro

Sono molti quelli che si chiedono se sarebbe il caso di utilizzare bitcoin a posto delle valute nazionali.

Se da un lato ciò potrebbe creare una distensione a livello globale, in quanto non ci sarebbe più una valuta dominante sulle altre e il tutto dipenderebbe da una moneta decentealizzata posta fuori dal controllo di chiunque. Dall’altro si verrebbero a creare tutta una serie di altri problemi di difficile soluzione!

Mi riferisco in particolar modo a l’instabilità macroeconomica dovuta alle forte oscillazioni del valore dei bitcoin e al fatto che prima o poi si innescherebbero dei fenomeni deflattivi.

In ogni caso se vuoi approfondire riguardo a questi problemi di consiglio di continuare la lettura approfondendo l’argomento a questo link dove ho trattato i motivi per cui il bitcoin non può essere usato a posto delle valute nazionali.

 

4. Investire in bitcoin

Il fatto che difficilmente si possa utilizzare questa valuta nell’economia reale non significa che non si possa utilizzare per investire in bitcoin generando profitto dalle variazioni di prezzo!

Essendo una valuta fortemente volatile essa è l’ideale per l’investimento di breve periodo, motivo per il quale fioccano a decine gli articoli su come investire in bitcoin…

Inizialmente i bitcoin valevano pochi centesimi, mi pare intorno ai 5 centesimi di dollaro. In pochi anni il loro valore si è elevato a potenza e siamo arrivati ben oltre i 1000 dollari. In pratica si è moltiplicato di 20 mila volte e più.

Certamente chi è entrato agli inizi e ha creduto su questa possibilità si è fatto un sacco di soldi!

Quando sono venuto a conoscenza dei bitcoin il loro valore stava già oltre i 50 dollari. Adesso che scrivo hanno superato da poco i 1400 dollari ma io francamente non me la sono sentita di investirci del denaro.

Personalmente non investo mai denaro su cose in cui non sono più che pratico del loro funzionamento interno, in pratica su come sono ingegnerizzate, questo per evitare spiacevoli conseguenze impreviste.

Se le avessi conosciute all’inizio probabilmente lo avrei fatto. Ci buttavo sopra cento euro e mi compravo 2000 bitcoin. Cento euro per me non sarebbero stati un problema e dopo pochi anni mi sarei ritrovato con oltre un milione di euro di controvalore.

Quando però li ho scoperti il loro valore era già di 50 e passa dollari ciascuno e con 100 euro ne avrei comprato solo 2. Sarebbero comunque stati convenienti, visto che nel frattempo sono aumentati di quasi 30 volte il loro valore, tuttavia non sapevo come erano fatti e come funzionavano e quindi mi sarei dovuto buttare a casaccio, cosa che non faccio mai!

Quando finalmente ho trovato informazioni riguardo i bitcoin il loro valore era già di circa 200 dollari e investire 100 euro mi sembrava ridicolo…

Lo so, lo so, ho fatto male… Ma ho pensato delle cose che francamente continuo a pensare.

Ho pensato che l’algoritmo dei bitcoin avrebbe creato delle ondate speculative tipo bolla dei tulipani olandese e non mi volevo ritrovare dentro alla bolla se fosse scoppiata.

Inoltre allora mi sono fatto il conto che probabilmente molti governi, non appena la cosa fosse diventata un po più nota si sarebbero messi per traverso con qualche legge liberticida tipicamente partorita quando qualcosa va contro il pensiero economico occidentale.

Non sapendo prevedere quando poteva durare la cosa non me la sono sentita di fare un investimento in bitcoin per paura di perdere un sacco di soldi.

Adesso, secondo me, l’epoca dei grossi guadagni coi bitcoin è finito, nel senso che non ci saranno più le opportunità del periodo iniziale dove si poteva centuplicare l’investimento anche in un solo anno.

Adesso penso che avranno un andamento tipo quello delle azioni, che può si far guadagnare ma non a livello di svoltare…

Diciamo che adesso si va di analisi tecnica e si deve cercare di individuare i minimi del ciclo valutario del bitcoin per poi rivendere nei periodi di massimo.

In alternativa si potrebbe sempre sfruttare il minimo di un ciclo per caricarsi un poco e poi aspettare molti anni e rivendere quando il prezzo probabilmente sarà molto più alto, questo grazie alla rarefazione dei bitcoin che si verrà a creare nel tempo.

Tuttavia, nel lungo periodo potrebbe venirsi a creare una fuga di investitori dovuto proprio alla quotazione molto alta.

Se ancora a 1400 dollari entra gente nel sistema facendone aumentare il valore, il rischio è quello che se il prezzo continua a salire e ad un certo punto nessuno nuovo entra dentro per via dell’alto costo psicologico da affrontare, e chi è dentro, non vendendo più salire le quotazioni inizi a vendere facendole precipitare innescando un panic-selling. Calcola che proprio l’altro giorno il prezzo ha toccato i 2500 dollari…

Secondo me il prodotto non è ancora maturo per sfruttarlo seriamente come investimento, se non a livello di scalping intraday o comunque di breve periodo e con pochi soldi.

Questo perché gli investitori in circolazione sono ancora molto pochi e i movimenti delle quotazioni sono quindi troppo volatili ed inoltre non c’è una storia pregressa di comportamento.

Un altro modo per investirci è quello di sfruttare un piano di accumulo capitale (PAC), che permette di investire piccole cifre in modo costante. Magari ne compri 10/20 euro al mese per diversi anni e poi rivendi il tutto, oppure lasci li per molti anni aspettando di vendere ad un prezzo molto alto.

I piani di accumulo sono in genere molto adatti ad essere utilizzati in mercati fortemente oscillanti come appunto i mercati azionari e perché no, quello dei bitcoin.

Detto ciò, non mi dilungo ulteriormente su come investire in bitcoin perché, da come avrai intuito da ciò che ho detto fino ad ora in questo articolo, io non l’ho mai fatto e non mi sembra professionale dire agli altri cosa fare senza che lo abbia fatto io in prima persona.

Certamente in futuro proverò ad investirci qualcosa, ad esempio 1000 euro giusto per provare e poi magari faccio un altro articolo dove spiegherò le mie impressioni, come mi sono comportato e quanto ho guadagnato o perso.

Se vuoi, qualora tu lo abbia già fatto, puoi dirci come hai fatto ad investire in bitcoin fornendoci le tue impressioni e come ti sei comportato commentando questo articolo.

Inserisci un commento