Come investire soldi a breve termine e basso rischio?

Come investire soldi a breve termine e a basso rischio? Questa è una delle domande più ricorrenti nei siti web dedicati ai mercati finanziari, oltre al fatto che è la prima richiesta che, qualunque persona non avvezza del campo, fa a un consulente finanziario quando se lo trova a tiro.

La soluzione su come investire soldi a breve termine e a basso rischio, in realtà, è molto semplice. Il problema, semmai, è che il risultato finale, essendo inferiore alle aspettative, potrebbe lasciare delusi.

Infatti, anche se nessuno lo dice chiaramente, a quell’investire soldi a breve termine e basso rischio si aggiunge una terza richiesta probabilmente lasciata come sottintesa: “…e che abbia un buon rendimento.”

Guadagnare soldi senza investire: è possibile?

Spesso mi chiedono se sia possibile guadagnare soldi senza investire. Uno dei principali problemi delle persone è quello di voler avviare delle attività lavorative o imprenditoriali e non avere le risorse necessarie per metterle in moto.

Questo avviene per due motivi: o non si hanno le conoscenze necessarie e sufficienti, oppure manca quello che chiamiamo “la grana” (cioè i soldi). Ed è proprio quest’ultimo l’ostacolo più pressante per chi vuole guadagnare soldi senza investire.

Iniziamo col dire che, per guadagnare soldi, bisogna fornire ad altre persone un prodotto o servizio che per loro deve valere più del denaro che ti devono dare per ottenerlo.

Guadagnare con i casino online: la VERITA’!

Guadagnare con i casino online è possibile, oppure si tratta solamente dell’ennesimo modo per buttare inutilmente i propri soldi?

Se cerchi su google casino online oppure guadagnare con i casino o, ancora meglio, guadagnare facilmente, escono fuori centinaia di siti che offrono gratuitamente i trucchi per sbancare il casino.

Molti di questi siti su come guadagnare con i casino online ti promettono anche guadagni di 600 € al giorno dedicando poche ore al gioco. Ma come stanno veramente le cose?

Prima di andare avanti nella lettura dell’articolo,  ti dico subito che esistono ben altri metodi (più sicuri e più redditizi!) di guadagno online rispetto ai casino. Se ne vuoi sapere di più, clicca su questo banner qui sotto.

Lo conosci quel detto che dice “il banco vince sempre”? … Bhe, lo approvo! 🙂

Non è assolutamente possibile, alla lunga, continuare a guadagnare giocando con i casino online, in quanto le probabilità statistiche di vincere sono sempre inferiori a quelle di perdere. Se non fosse così, il gestore del casino non potrebbe guadagnarci! Semplice.

Ciò significa che in un numero grande di giocate (per grande intendo almeno un’ora di gioco), il casino online ti ha mediamente ripulito di una parte dei tuoi quattrini. E questo, ovviamente, avviene in ogni tipo di gioco d’azzardo…

Come investire la liquidazione (TFR e pensione)

Molti spesso mi chiedono come investire la liquidazione. Prima di dare delle risposte su come investire la liquidazione (o TFR che dir si voglia), vorrei fare un passo indietro di qualche anno (pochissimi a dir il vero).

Dal primo gennaio del 2007 c’è la possibilità, per tutti i lavoratori dipendenti con cassa pensionistica INPS, di optare per una gestione del TFR privata scelta dal lavoratore stesso. Il vantaggio di tale scelta consiste, innanzitutto, in una tassazione molto più bassa.

Ma non solo…

Tieni conto che il TFR lasciato in azienda, quando viene percepito, sarà trattato con un regime fiscale uguale a quello degli ultimi anni di lavoro che, molto probabilmente, saranno i più elevati di tutta la carriera lavorativa (calcola almeno un 33% di ritenuta sia sul TFR che sugli interessi maturati).

Se invece scegli una gestione privata del TFR (qualunque sia il gestore), puoi sfruttare una tassazione minore o uguale al 12% (il calcolo è un po’ più complesso ma la tassazione finale rientra in quel range) che sicuramente è molto più vantaggiosa!

Mercato dei mutui: l’influenza dei mass media!

In questi ultimi anni i mass media hanno esercitato una pesante influenza sul mercato dei mutui, spesso a tutto svantaggio del consumatore finale (ossia TU!).

Ma prima di sviscerare per bene questo argomento, facciamo un piccolo passo indietro…

I mass media, cioè tutto ciò che viene utilizzato per informare la gente (TV, giornali, radio) hanno dei proprietari. Quest’ultimi seguono, come unico interesse, quello di aumentare i propri profitti personali.

Ciò avviene SEMPRE perché, anche quando il media non crea un profitto economico in modo diretto, l’interesse dei proprietari è comunque quello di veicolare un’idea (esempio pratico: i giornali di partito).

Qualunque sia lo scopo, economico o meno, i media si prefiggono l’obiettivo di influenzare la massa manipolando ad hoc i contenuti in modo più o meno marcato e più o meno esplicito anche tramite tecniche molto raffinate.

Cultura Finanziaria: come averla senza diventare matto!

Da quando mi occupo di cultura finanziaria, investimenti ed economia, cioè dal ’98, mi sono reso conto che c’è una costante che non è MAI mutata: la stragrande maggioranza degli italiani non sa un beneamata fava di economia, investimenti e finanza.

Mentre all’estero, in particolar modo nei paesi di stampo anglosassone, la gente comune sa cos’è un’obbligazione, un’azione, un fondo comune, un’opzione eccetera, in Italia la gente conosce al massimo la parola BOT!

Non ci credi? Vediamo se ti posso far ricredere tramite un piccolo “test” di cultura finanziaria! 🙂

…Mi sapresti dire cos’è un mutuo con ammortamento all’italiana? E un SICAV? Quanti e quali sono le fasi di un ciclo economico?

Potrei continuare così per ore e scommetto che, se non sei uno del settore o un appassionato, probabilmente sapresti rispondere solo a un 10% dei quesiti di cultura finanziaria che ti proporrei. Non ti preoccupare, sei in ottima compagnia!!! 🙂

Bot people: ha davvero senso investire nei BOT?

Bot people è una parola coniata dagli economisti italiani, per identificare tutti quei risparmiatori che mettono in portafoglio prevalentemente titoli di Stato con una predilezione per i BOT.

Molti, in Italia e all’estero, si domandano giustamente che cosa ci vediamo di così interessante nei bot e sopratutto come mai non facciamo come il resto del mondo che investe almeno un terzo dei risparmi in fondi azionari.

Le abitudini hanno sempre motivazioni radicate nelle menti e nella fattispecie quelle dei bot risalgono a molti anni fa. Vediamo come stanno le cose…

Negli anni ’70 e ’80 i bot furono introdotti per coprire dei debiti ritenuti momentanei (le ultime parole famose…) e quindi si crearono delle obbligazioni a brevissima scadenza (i bot appunto) per reperire velocemente questi fondi.

I bot hanno, difatti, durata trimestrale, semestrale o annuale, proprio a rimarcare il fatto che erano obbligazioni a uso temporaneo.